Benvenuti nel sito di Giuseppe Pungitore, dell'ing. Vincenzo Davoli, di Mimmo Aracri ed Antonio Limardi, punto d'incontro dei navigatori cibernetici che vogliono conoscere la storia del nostro meraviglioso paese, ricco di cultura e di tradizioni: in un viaggio nel tempo nei ruderi medioevali. Nella costruzione del sito, gli elementi che ci hanno spinto sono state la passione per il nostro paese e la volontÓ di farlo conoscere anche a chi Ŕ lontano, ripercorrendo le sue antiche strade.

LA PAGINA DELLE POESIE 

 

LA ROSA

'Pecchì cu la ròsa da nùi venìti?'                - ‘Perché con la rosa da noi venite?’
-Pe li beḍìzzi chi vùi avìti.?'                          - ‘Per le bellezze che voi avete.’
'S’è sùlu pe chìssu, sènza amùri                  - ‘Se è solo per questo, senza amore  
nùḍa de nùi vòla chìssu ḧiùri.’                    - nessuna di noi vuole quel fiore.’

 ‘Amùri e beḍìzzi cà ci sùgnu,                      - ‘ Amore e bellezza qua ci sono,
la ròsa a cu àju mu la dùgnu?’                    - la rosa a chi la dono?’
‘A la chiu bèḍa brillànti stìḍa                      -‘ A la più brillante stella
ch’èna lu paìsi de Francavìḍa.’                    - che è il paese di Francavilla.’

‘ Bièḍu giùvani de dùva sìti,                         -‘ Bel giovane di dove siete?,
àcqua volìti vùi mu mbivìti?’                       - acqua volete voi bere?’
‘Viègnu da lu màra de lu Pìzzu                   -‘Vengo dal mare di Pizzo  
la stràta d’amùri mu mi mbìzzu                 - la strada dell’amore per imparare

dùva li piètri sŭ d’uòru fìnu                        - dove le pietre sono d’oro fino
ca scàzu sùpa àju mu camìnu,                     - che scalzo sopra vi cammino,
a lu paìsi di beḍìzzi chjìnu                           - al paese di bellezze pieno
mi pòrta a vùi mu m’avvicìnu.                   - mi porta a voi che mi avvicino. 

Mi dumandàti de dùva sùgnu                     - Mi domandate di dove sono
ca la rispòsta pùa vi dùgnu.                        - che la riposta poi vi dono.
Li rìsi, l’uòcchi e tùttu lu vìsu                     - I sorrisi, gli occhi e tutto il viso
dìnnu cuom’èna lu paradìsu.                      - dicono come è il paradiso.

Acqua dùci de surgìva chiàra                     - Acqua dolce di fonte chiara       
fùda per mìa cu vùi lu parràra.                 - fu per me con voi il parlare.
Nu còra rànda vùi pùru avìti                     - Un cuore grande pure avete  
c’àcqua dunàti a cu àva sìti.                       – che acqua date a chi ha sete.  
 
Prìma ‘u vi dìcu ‘e dùva sùgnu                  -Prima di dirvi di dove sono
na vùci mi dìssa mu m’addùgnu               - una voce mi disse di accertarmi
cu de vùi non èna vèra paisàna,                - che di voi non è vera paesana,   
ma na bèḍa bèḍa angitulàna.’                   -ma una bella bella angitolana.’ 
 
‘Sŭ pendinòta francaviḍòta.’                  - ‘Sono ‘pendinòta’ francavillese.’
‘Sŭ na francaviḍòta dirtòta.’                    -‘Sono una francavillese ‘dirtòta’.’           
‘Bèja sŭgnu cu l’uòcchi de stìja               -‘Bella sono con gli occhi di stella
tra le chiù bèje de Francavija.’                - tra le più belle di Francavilla.’

‘Sìti bèḍa cu l’uòcchi de stìḍa,                 -‘Siete bella con gli occhi di stella   
ma vùi non sìti de Francavìḍa,                - ma voi non siete di Francavilla,
pe beḍìzza la gènta v’è gràta,                  - per la bellezza la gente vi è grata,
d’ìḍa non avìti la parràta.’                      - ma di lei non avete la parlata.’

‘Bièju giùvani, ccà mi criscìvi                 - ‘Bel giovane, qua mi sono cresciuta
 ma jà nta lu Pìzzu nescìvi.’                    - ma a Pizzo sono nata.’
‘Beḍìzza, ḍà pur’ìo mi criscìvi,              - Bellezza, là pure mi sono cresciuto
ma nta Francavìḍa io nescìvi.                - ma a Francavilla sono nato. 
     
Mòna da Pendìnu sìn’Adièrtu           - Ora da Pendìno sino a Dièrtu
vùi trì sìti lu rànda cuncièrtu              -voi siete il gran concerto      
chi pòt’avìra tùttu lu mùndu                - che può avere tutto il mondo
ca facìstuvu mu mi cunfùndu.             -che mi faceste confondere.
 
La rosa la dugnu sùlu a na stìḍa- La rosa la do solo a una stella
Ch’èna lu paìsi de Francaviḍa   - che è il paese di Francavilla.’

Vincenzo Ruperto

  

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni scrivere a: phocas@francavillaangitola.com