Benvenuti nel sito di Giuseppe Pungitore, dell'ing. Vincenzo Davoli, di Mimmo Aracri ed Antonio Limardi, punto d'incontro dei navigatori cibernetici che vogliono conoscere la storia del nostro meraviglioso paese, ricco di cultura e di tradizioni: in un viaggio nel tempo nei ruderi medioevali. Nella costruzione del sito, gli elementi che ci hanno spinto sono state la passione per il nostro paese e la volontà di farlo conoscere anche a chi è lontano, ripercorrendo le sue antiche strade.

Siamo su facebook con www.francavillaangitola.com

PRIMA PAGINA. COM - news ANNO 2019

francavillatv youtube
E' online un innovativo servizio di comunicazione ideato per promuovere il nostro paese, Francavilla Angitola  ed il territorio circostante. il servizio è realizzato dal sito www.francavillaangitola.com . l'obbiettivo  della nostra  web   francavillatv   è   quello di diffondere via internet in streaming con il motore di ricerca youtube  una serie di  filmati riguardanti  momenti ed eventi del nostro paese, della sua antica cultura, delle sue tradizioni religiose,  delle varie manifestazioni  che si svolgono  nel tempo,  con l'intento di far conoscere  gli angoli caratteristici non solo di Francavilla, ma  della   provincia  di Vibo Valentia. Se  volete iscrivervi  basta collegarvi con  un pc, televisore smart,  tablet,   telefonino, cliccate su youtube,  cercate  francavillatv, nella nostra pagina c’e’ il tasto rosso   iscriviti , ogni pubblicazione di un video arriverà un messaggio di avviso . Grazie

CLICCA QUI - FRANCAVILLATV YOU TUBE

la Calabria raccontata da Escher.


La Calabria, il Mito” è un’occasione per conoscere l’arte del genio olandese e l’influenza che l’architettura e i paesaggi calabresi ebbero sulla sua parabola artistica. Dal 20 novembre 2018 al 20 gennaio 2019, nel Complesso Monumentale del San Giovanni, la mostra “ESCHER.
 “ESCHER. La Calabria, il Mito”, Arriva per la prima volta a Catanzaro la mostra curata da Federico Giudiceandrea e Domenico Piraina, che propone un percorso di 86 opere, alcune mai esposte in Italia come Fuochi d'artificio (1933), Sogno e Senglea (1935). 
Escher visitò l’Italia tra il 1922 e il 1936. In Calabria il grande artista si recò nel 1930, rimanendo colpito dal sole e dalla luce del Sud, dalle architetture geometriche dei paesaggi, dalle costruzioni verticali sulle rocce, dagli strapiombi sul mare, dalla stratificazione di culture antiche.
Tra le opere più importanti in mostra, testimonianza del suo viaggio calabrese ci sono Morano, Pentedattilo e Rocca Imperiale (tutte del 1930), le vedute di Scilla, Tropea, Santa Severina e Rossano del 1931. Luoghi e ricordi di Escher si potranno anche sfogliare in mostra grazie a un touch screen col diario del suo viaggio nel sud Italia.
Il ricordo della Calabria per Escher rimase indelebile, come testimonia Dream del 1935, in cui è ripresa la mantide religiosa che aveva disegnato a Pentadattilo cinque anni prima.

Ricordi sparsi d'un tempo che fu.

DI VINCENZO ADOLFO RUPERTO
Don Giuseppe Farina sedeva sempre sul pianerottolo del suo alloggio UNRRA-Case in via Ten Servelli. Sempre sorridente ti salutava e sempre sorridente colloquiava. Donna Eugenia, sua moglie e levatriche comunale in pensione, stava difronte a lui, ma seduta dentro la stanza, stava china e pensierosa con le mani appoggiate sui bianchi capelli. Ero di casa, trattato come un familiare, il loro figlio Foca aveva sposato la zia Nina, sorella di mia madre.
L'occasione per parlare della famiglia Farina, è data da un ricordo elettorale. Giovincello di primo voto, ardente rivoluzionario
seguace dell'Ottobre Rosso, mi resi promotore di una lista elettorale che si doveva contrapporre alle liste con simboli MSI e DC. Per stringere e farla breve...., don Giuseppe si proclamava seguace del mio partito, sentiva radio Mosca e non perdeva nessun appuntamento e aveva lavorato sotto la guida di un illustre personaggio , l'on. Gennaro Miceli, allora ingegnere nel Consorzio di bonifica, del qualke aveva una stima immensa.
Accettò e firmò la candidatura, ma la lista si sciolse come neve al sole (episodio lungo a raccontare).
Fu proprio in quell'occasione che donna Eugenia, dopo avere letto una lettera del figlio Totò, mi disse 'io ti ho tirato e dopo un mese Totò ti ha fotografato'. Ho un vago ricordo di Totò, la famiglia Farina allora abitava nella casa dove oggi vi è Lorenzo Malta con la sua famiglia...
Ho chiesto, poi, ai miei genitori se davvero ero stato fotografato alla vetusta età di un mese da Totò, era vero e la foto stento a pubblicarla, non voglio destare scandalo.
Mi piace riportare di Totò Farina uno scritto di Vittorio Torchia e ringrazio chi mi ha fornito le belle foto.
Tutte le vocazioni si erano ridestate e le inclinazioni melodiche , quasi innate, ma talmente abortite nel nostro borgo, avevano ora, finalmente, il quarto d’ora di notorietà e di consacrazione. Nemmeno di notte si stava più in pace. Solitari menestrelli ci furono sempre per le rare serenate ma ora, sotto ogni balcone dietro il quale dormiva o spasimava una fanciulla, sostavano orchestrine che sospiravano amori e languori.
Ma il solista di grido, l’unico, fu Totò Farina. Fiero, altero, rubacuori. Certe note prolungate del suo pistonino lasciavano incantati. Sul palco per la festa del protettore, era il gran mattatore. Mattatore di assoli e di duelli al gioco della scopa, e duravano questi ultimi dal pomeriggio all’indomani.
E’ notorio che una mattina la madre, donna Genia, levatrice comunale, uscita in giro per le solite visite, si rivide il figlio a giocare là dove l’aveva lasciato la sera avanti. Per cui, la poverina, quasi attristata, gli si avvicinò per raccomandargli di non sciuparsi la salute e d’andare a dormire
E’ rimasta anche notoria la risposta infuriata del figlio che perdeva al gioco
- Ma và lìgati ncùnu vudhièdhu, dàssami stara….- ( vai a legare qualche cordone ombelicale, lasciami in pace…
i Vittorio TORCHIA, poeta e scrittore francavillese. Dal 'Paese del Drago'- Barbaro Editore- Oppido M. RC- Prefazione di Antonio Piromalli.

CLICCA QUI - FRANCAVILLATV YOU TUBE

Filitalia international sbarca a Vibo

VALORIZZARE IL PATRIMONIO CULTURALE

La fondazione Filitalia international sbarca a Vibo Valentia attraverso un nuovo direttivo eletto nei giorni scorsi. Presidente è stato eletto Nicola Pirone, vice Enzo Natale e Rosario Chimirri, Segretario Maria Loscrì, Tesoriere Paolo Tavilla e consiglieri: Nicola Galloro, Domenico Tallarico, Mimmo Greco, Bruno Congiustì, Gianfranco Schiavone, Caterina Valente e Vincenzo Davoli. Nonostante le elezioni si siano svolte a San Nicola da Crissa, questa volta non c’è stata nessuna denuncia da parte di soci e candidati sconfitti, così come avvenuto in altre associazioni del paese, segno della maturità e serietà da parte dei membri associati che hanno come unico obiettivo quello di lavorare insieme alla di la della carica e condiviso la stessa linea. Il direttivo rimarrà in carica per i prossimi 2 anni nel quale avrà il compito di valorizzare il patrimonio culturale, linguistico e tradizionale italiano. Le attività saranno svolte, nel rispetto delle disposizioni stabilite dalle leggi vigenti in materia di comitato, prevalentemente tramite le prestazioni volontarie, libere e gratuite degli aderenti. Il Chapter di Vibo Valentia dipenderà direttamente dalla fondazione che ha sede a Philadelphia negli Stati Uniti, fondata nel 1987 dal dottor Pasquale Nestico molto attivo e attaccato al territorio calabrese. Poiché il numero dei soci è illimitato, in accordo con gli altri chapter del mondo è stato deciso di prolungare il tesseramento fino al 31 di gennaio. Il Chapter è apolitico e non appoggia direttamente o indirettamente nessun candidato per cariche pubbliche locali, regionali o nazionali. Infatti, è fatto espressamente divieto di propaganda elettorale di qualsiasi candidato durante lo svolgimento delle attività. Gli obiettivi di Filitalia international saranno Nutrire, incoraggiare, promuovere gli interessi e i diritti dei cittadini italiani e oriundi per le attività estere, tramite organizzazioni, promozione e mantenimento di eventi e di attività sociali, culturali e umanitarie. Filitalia è stata fondata a Philadelphia, nel 1987 dal dottor Pasquale Nestico, e un gruppo di Italo-Americani. Nel 1991 Filitalia ha assunto scopi nazionali con la formazione di capitoli in Pennsylvania, New Jersey, New York e Massachusetts. Il 15 Aprile, 2007 e` divenuta International con la formazione di capitoli in Canada` ed Europa. Tramite i suoi tanti programmi la Filitalia aiuta i giovani per mezzo delle borse di studio, programmi di supervisione e incoraggia l’insegnamento della lingua e della cultura italiana. Promuove eventi, incontri, conferenze per giovani professionisti. Le attività previste dalla Filitalia su Vibo Valentia saranno presentate nelle prossime settimane, ma già ha iniziato i colloqui con le altre associazioni di promozione presenti sul territorio provinciale. Filitalia International chapter di Vibo Valentia potrà contare anche sulla visibilità mediatica attraverso il periodico La Barcunata, il sito www.francavillaangitola.com e la web tv dei Calabresi nel mondo www.kalabriatv.it della quale è già partner dallo scorso anno.  
CLICCA QUI - FRANCAVILLATV YOU TUBE

CLICCA QUI - FRANCAVILLATV YOU TUBE 

PRIMA PAGINA.COM - ANNO 2017 -2018 

PRIMA PAGINA.COM - ANNO 2016 

 PRIMA PAGINA.COM- NEWS 2015

PRIMA PAGINA.COM - 2014 

PRIMA PAGINA.COM -2013  

PRIMA PAGINA.COM - 2012

PRIMA PAGINA.COM -2011 

PRIMA PAGINA.COM - 2010 

PRIMA PAGINA.COM - 2009  

PRIMA PAGINA.COM - 2008 

PRIMA PAGINA.COM - 2007 

PRIMA PAGINA.COM - 2006 

PRIMA PAGINA.COM - 2005 

19/06/2005 ore 20,30:

Lo staff è lieto di annunciare che oggi, finalmente, è cominciata l'avventura sognata da mesi: viene pubblicato il nuovo sito: www.francavillaangitola.com, grazie alla tenacia di Giuseppe Pungitore, alla determinazione di Mimmo Aracri, alla saggezza dell'ing. Vincenzo Davoli e alla intraprendenza di Antonio Limardi jr. 

Per maggiori informazioni scrivere a: phocas@francavillaangitola.com